Crack Etruria, filoni riunificati, il liquidatore chiede di costituirsi parte civile

Cronaca del 12-10-2017
di Barbara Perissi

Crack Etruria, filoni riunificati, il liquidatore chiede di costituirsi parte civile

Filoni di inchiesta riunificati ovvero bancarotta, bancarotta bis, sindaci revisori e liquidazione all'ex dg Luca Bronchi e richiesta di costituzione di parte civile da parte del liquidatore Giuseppe Santoni. Dal punto di vista strettamente procedurale sono questi i fatti che hanno caratterizzato l'udienza sul crack Etruria svoltasi, a partire dalle 9 e fino alle 12, davanti al Gup del Tribunale di Arezzo Giampiero Borraccia. Il giudice, dopo aver deciso circa la riunificazione dei procedimenti, su richiesta della procura di Arezzo, ha rinviato invece all'udienza del 2 novembre la decisione sull'ammissione delle parti civili, oltre duemila, alle quali stamani si sono aggiunti i comuni di Arezzo e Castiglion Fiorentino ma soprattutto il liquidatore Giuseppe Santoni per i danni subiti dalla banca. Restano fuori dalla dalla sua richiesta ovviamente i fatti che non sono contenuti nell'azione di responsabilità civile presentata dal liquidatore al Tribunale civile di Roma ovvero la bancarotta bis e la liquidazione all'ex dg Luca Bronchi. Santoni era rappresentato in aula dall'avvocato Giacomo Satta di Roma. Le udienze sono già stata calendarizzate fino al 30 gennaio, con una cadenza praticamente settimanale a novembre.




POTREBBERO INTERESSARTI