Ultimo agg. 16 ore e 10 minuti fa

Le crepe nella maggioranza iniziano ad essere troppe

Editoriale del
di Luigi Alberti
132

Le crepe nella maggioranza iniziano ad essere troppe

E' davvero strana questa situazione che sta caratterizzando lo scacchiere politico aretino. I malesseri all'interno della maggioranza di centro destra iniziano ad essere troppi per non fare passare in cavalleria tutto quello che sta accadendo. Uno scenario talmente sorprendente che sembra quasi irreale, soprattutto se comparato  alla situazione che si presentava fino al maggio scorso. La questione consulenze ci ha messo del suo e non c'è dubbio che alimenti più di un interrogativo. In tanti si chiedono quanto durerà l'assessore Merelli a svolgere le sue funzion. Nel corso dell'ultimo consiglio Merelli non si presentò e costrinse Ghinelli a fare le sue veci. Il sindaco fece capire che la vicenda Coingas, abbia scosso anche sul piano psicologico il suo più stretto collaboratore, che venne scelto direttamente dal sindaco, senza passare da mediazioni dei partiti.

Poi le polemiche sui costi del R (c)aro festival hanno investito dei consiglieri della maggioranza al punto che è scesa in campo la stessa Lucia Tanti nel ribattere alle argomentazioni del consigliere Angelo Rossi, non nuovo a uscite fuori dal coro. In questo periodo poi c'è un altro fronte che spicca. Il comportamento parallelo del vice sindaco Gamurrini, che arriva in ritardo in consiglio comunale. Ritardo che non poteva essere bypassato dai media visto che non c'erano assemblee di quartiere in contemporanea al consiglio. Non si capisce se Ghinelli e il suo vice parlino la stessa lingua e abbiano gli stessi obiettivi. Entrambi sono espressione della lista civica che fu il collant della vittoria del centro destra nel 2015. Ora quel ruolo non c'è più e non è da escludere che Gamurrini giochi le sue carte in maniera diversa.