I “Fratellini” di Forte dei Marmi

di Camilla Martini

I “Fratellini” di Forte dei Marmi

Marzo, mese pazzo per antonomasia, sta invece regalando giornate calde e soleggiate, quasi estive, motivo per cui una domenica al mare è stata una grande idea. 

Forte dei Marmi, città versiliana, conosciuta per la sua vita notturna e per i suoi negozi super chic è anche meta di ottimi ristoranti di pesce, tra i quali spicca “The Fratellini’s”, un locale moderno nato dalle mani esperte dei fratelli Vaiani, David e Marco, sul lungo mare, vicinissimo al noto Pontile di Forte dei Marmi. 

In Versilia la famiglia Vaiani è un’istituzione quando si parla di ristorazione. Dal 1990 Piero Vaiani e i figli, gestiscono il ristorante “Bistrot”, detentore di una stella Michelin e guidato da un nuovo giovane e talentuoso chef. Successivamente hanno aperto altri ristoranti sempre a Forte dei Marmi tra cui: Osteria del Mare, la gastronomia Pesce Baracca – Mercato e Cucina e ovviamente The Fratellini’s. La famiglia possiede anche una tenuta chiamata Fattoria Vaiani a San Quirico di Moriano (LU), la quale si fa portatrice di tutta la filosofia che sta dietro l’idea di cucina di Piero e figli: prodotti freschi e amore per le materie prime. 

Tornando ad una delle creature più recenti, The Fratellinis apre nel 2008 ed è, a mio avviso, la sintesi di un percorso inaugurato da una cucina tradizionale  che si fonde ad un'idea innovatrice ed attuale. Il locale è votato prevalentemente al pesce, proposto in ogni sua forma e che trova la sua massima espressione nella freschezza del crudo. Elemento cardine del ristorante è la flessibilità della cucina… Elementi esotici si mescolano armoniosamente con la tradizione versiliese in una cucina, quasi del tutto a vista, dove vengono preparati carpacci, tartare, gran piatti di crudo e piccoli assaggi giapponesi (sushi, sashimi e maki); personalmente ho trovato il piatto di 8 maki “California in-out ”con polpa di granchio ,avocado e maionese, ottimo e leggero, servito con dello zenzero a parte per un ulteriore vivacità. 

Quest’ultima nota orientale possiamo ritrovarla anche nell’arredamento dell’ambiente, caratterizzato da uno stile moderno e da un’architettura organica che promuove la connessione tra natura e uomo: pareti in legno, luci tenui e una vetrata sulla terrazza esterna, donano un senso di ariosità ad un ambiente intimo e moderno. La veranda consente di mangiare all’aperto sotto grandi ombrelloni verdi e permette di godere anche di un altro dei punti forti del ristorante: l’aperitivo. Al tramonto l’atmosfera si fa lounge, grazie alla delicata musica e ai gustosi stuzzichini preparati sulla griglia o serviti direttamente crudi. Una filosofia volta ad una cucina dinamica e flessibile, con l’intendo di soddisfare i gusti più svariati della clientela, a qualsiasi ora del giorno. 

Ho conosciuto questo ristorante nel 2013, per puro caso. Mi trovavo “al Forte” e passeggiando nel lungo mare e furono proprio gli ombrelloni verdi a catturare la mia attenzione. L’orario purtroppo non era adatto per una cena, ma ricordo di essermi concessa un aperitivo che, con grande sorpresa, era per la maggior parte composto da bocconcini di sushi e spiedini grigliati. Promisi a me stessa che sarei tornata per una cena.

Inutile dire che mantenni la promessa… Ancora e ancora!! Fino ad arrivare a domenica scorsa. 

L’antipastino di maki al granchio ha fatto da apripista per un grande pranzo di pesce. Un piatto di crudo non poteva certo mancare e da amante delle spezie, il cous cous con tartare di gamberi crudi e cannella è stato una rivelazione. La dolce incisività della spezia, si sposava perfettamente con il sapore marino e pulito dei gamberi e con quello più neutro del cous cous. Successivamente, indecisa fra uno spaghettone all’astice e un piatto di ravioli dalla doppia farcia, mi sono fatta indirizzare verso la pasta ripiena. Un giusto consiglio. La pasta era fresca, con un cuore di patate e pesce azzurro, servita con cime di broccoletti, cozze e pomodorini. Davvero buonissimo, in ogni sua componente. Il dolce è stata la degna conclusione per un pranzo eccezionale: crostatina di frolla, mele, crema chantilly e un tocco di cioccolato. La tradizione dopo l’innovazione. 

Non importa in che periodo dell’anno vi troviate, il mio consiglio è quello di prenotare sempre e con anticipo, se si vuole godere di questa esperienza a tutto tondo poiché The Fratellini’s, è diventato una tappa fissa per chi vuole bere e mangiare bene, in un ambiente estremamente elegante, raffinato e moderno in riva al mar Tirreno.

 

*#TeletruriaGiovani è un nuovo progetto coordinato da Teletruria, nato dalla volontà di dare voce ai giovani. Il team di #TeletruriaGiovani è formato esclusivamente da ragazzi under 40 non giornalisti che, per il gusto di scrivere e per la passione di condividere le loro esperienze, hanno deciso di curare delle rubriche tematiche. I ragazzi sono tutti volontari e scelgono in autonomia i temi su cui scrivere.




POTREBBERO INTERESSARTI