Ultimo agg. 52 minuti fa

Pd in rotta di collisione. E gli scissionisti sbagliano anche a votare....

Editoriale del
di Luigi Alberti
353

Pd in rotta di collisione. E gli scissionisti sbagliano anche a votare....

Pd in rotta di collisione. Non c'è santo che tenga. Renzi tiene botta in Toscana, ma nel resto d'Italia vede perdere i suoi voti a destra e a manca (leggi Cinque Stelle). Irrisorio il dato degli scissionisti di Liberi e Uguali. Sbagliato il leader (Grasso), rancorosa la proposta politica (D'Alema), senza sbocchi per essere credibile soprattutto con chi a sinistra aveva Renzi come bersaglio. A proposito del Matteo di Rignano, Renzi in 12 mesi le ha sbagliate tutte. Dal giorno del referendum straperso ad oggi. Aveva detto che se ne sarebbe andato. Scappando dalla porta principale ha trovato l'escamotage congressuale per tornare dalla finestra. Gli esperti lo dissero subito. Vincerà il congresso ma perderà le elezioni. Non gli è bastata la sagoma del mite Gentiloni, sopportato quel tanto che basta per essere supportato a dovere dal suo principale azionista. Adesso si apre un'altra partita con il Pd costretto dall'elettorato ad andare all'opposizione davanti ad un centrodestra sempre più a trazione leghista. Il boom del Movimento Cinque Stelle rischia di essere effimero, se intorno i grillini non riusciranno a costruire un punto di incontro con possibili alleati. Morale, chi credeva che l'inciucio o meglio il Nazareno bis, fosse alla portata, ha sbagliato i suoi conti. Salvini ha fatto leva sulle paure e di riflesso sui timori della gente. La questione immigrazione, che paradossalmente a Dublino l'allora ministro Maroni gestì, lo ha portato ad avere una marea di consensi. Gelato Berlusconi e il suo progetto di essere il regista del centrodestra. Oltre a Renzi, che non ha l'età, Salvini presto metterà in pensione anche l'ex cavaliere di Arcore. Pensierino della notte profonda: l'assessora più sconosciuta della Giunta Ghinelli, in poco meno di due anni rischia di andare a Palazzo Madama. Se il voto senese la aiuterà, sarà Tiziana Nisini la più grossa sorpresa del voto politico in salsa aretina.

Nota a margine: Bersani è andato a votare e ha sbagliato anche a mettere la scheda nell'urna. Dalla mucca al giaguaro, c'è materiale per Crozza.