Ultimo agg. 1 ora e 50 minuti fa

Le sette meraviglie del Tirreno meridionale

Mete del
di Agnese Nocenti
85

Le sette meraviglie del Tirreno meridionale

Vulcano, Lipari, Salina, Filicudi, Alicudi, Panarea, Stromboli: sette isole, adagiate appena sopra la Sicilia. Sette gemme gettate nel Tirreno da Zeus come dono di nozze al figlio Efesto: clima dolce, vegetazione lussureggiante e mare blu zaffiro per allietare gli occhi della bellissima sposa Afrodite, mentre il dio fabbro poteva lavorare con agio sottoterra. Quasi me lo immagino uscire claudicante dalla fucina di Stromboli, darsi una ripulita e raggiungere la moglie adagiata sotto un portico vista mare con un bicchiere di malvasia in mano. 

Insomma, l’immagine della vera vacanza, quel momento in cui spogli l’anima dalla stanchezza e dallo stress e la rivesti di pace. Le Eolie questo sono: un’oasi di placidità che ti contagia appena sbarchi e non ti stucca, nemmeno dopo giorni, anche perché ce n’è per tutti i gusti.
Se ti piace un ritiro silenzioso e spartano, Alicudi e Filicudi sono perfette; se sei un tipo dinamico, non hai che da scegliere tra i diversi percorsi di scalata a Vulcano e Stromboli; se sei un cinefilo, ti dico solo che a Salina è stato girato “Il postino”; se quello che cerchi è la movida, Lipari e Panarea ti soddisferanno sicuramente. Per non parlare del cibo: pane cunzato, arancini, insalata eoliana con i cucunci, pesce spada impanato con granella di pistacchio, totani ripieni, cannoli, cassate, pasta di mandorle … E del bere: granite, latte di mandorla, malvasia ...

Un paradiso. Non a caso, qui molti ricchi e famosi mettono alla fonda il proprio yacht, attirati dal vero lusso: la libertà di stare fuori dalle luci della ribalta, godendosi un tuffo o un pranzo senza essere paparazzati. Un esempio? Luca Cordero di Montezemolo che passeggia mano nella mano con il figlio per il corso di Lipari, beatamente ignorato dai liparoti. Del resto, chi abita tutto l'anno in un paradiso non si sente inferiore a nessuno.

#TeletruriaGiovani è un nuovo progetto coordinato da Teletruria, nato dalla volontà di dare voce ai giovani. Il team di #TeletruriaGiovani è formato esclusivamente da ragazzi under 40 non giornalisti che, per il gusto di scrivere e per la passione di condividere le loro esperienze, hanno deciso di curare delle rubriche tematiche. I ragazzi sono tutti volontari e scelgono in autonomia i temi su cui scrivere