Ultimo agg. 12 ore e 50 minuti fa

Staffetta in Confartigianato: Alessandra Papini nuovo Direttore

Attualità del
di Paolo Castiglia
42

Staffetta in Confartigianato: Alessandra Papini nuovo Direttore

Passaggio delle consegne quasi storico. Difficile trovare aggettivi diversi per il cambio alla segreteria generale di Confartigianato Arezzo: Mauro Giovagnoli, dopo 13 anni di servizio nel ruolo di segretario generale, e 23 anni di vita professionale spesi nell’associazione di categoria, dal 1 agosto passa il testimone alla persona che da un anno era vicesegretaria di Confartigianato, Alessandra Papini.Quella di Giovagnoli è una storia importante per Confartigianato, oltre ad essere segretario, ha ricoperto il ruolo di direttore di Confartigianato Arezzo Formazione, di direttore e responsabile delle risorse Umane di Confartigianato Imprese Arezzo e di PMI Service società di servizi, diretta emanazione dell’Associazione di categoria.Membro del Consiglio di Amministrazione di CEDIT - Centro Diffusione Imprenditoriale della Toscana – Agenzia Formativa accreditata del Sistema Regionale di Confartigianato è stato anche ideatore e responsabile di “Scuola per Genitori Edizioni di Arezzo”, gli incontri dedicati al tema della genitorialità. Dal 2008 ad oggi ha avuto anche la direzione e docenza nei progetti formativi di Fondartigianato Formazione, mirati alla crescita ed alla riqualificazione del personale interno a tutto il Sistema Confartigianato ed alle società di sua diretta emanazione.Alessandra Papini è invece stata vice Segretario di Confartigianato Imprese Arezzo, fa parte dello staff di Direzione con delega alle società controllate e partecipazione alle sedute degli organi di Confartigianato. E’ direttore dell’Agenzia Formativa di Confartigianato Imprese Arezzo, oltre ad essere vice direttore di Cospar sc, società di servizi amministrativi di Confartigianato Imprese Arezzo per l’assistenza fiscale e tributaria ed amministrazione del personale.Di poche parole come sempre, più orientato alla concretezza dell’operatività quotidiana, Giovagnoli non nega “un’emozione importante nel lasciare un ruolo esercitando il quale credo di aver dato tutto, ma ho due grandi soddisfazioni: subentra una persona leale e capace, e che è parte piena del progetto che siamo portando avanti da anni a fianco delle imprese artigiane, quindi un cambiamento nella continuità”.“La seconda soddisfazione - chiude Giovagnoli - è quella di lasciare in un momento nel quale il nostro impegno, nei confronti delle imprese artigiane, sta dando i suoi frutti, grazie ad una serie di azioni che abbiamo portato avanti, legate da un fil rouge che passa per l’economia, ma anche per la famiglia, la passione, l’orgoglio e la fierezza che diventa anche mia ora nel passare ora il testimone alla prossima generazione. Un saluto, inoltre, un particolare saluto ai colleghi delle altre associazioni e ai rappresentanti delle Istituzioni con i quali mi sono trovato a collaborare in questi anni”.Emozione, ma anche tanto entusiasmo, in Alessandra Papini, che appunto dal primo agosto sarà il nuovo segretario di Confartigianato Arezzo: “Un impegno importante, molto impegnativo, per il quale potrò contare ancora - spiega Papini – sul supporto di Mauro, e sull’esperienza decisiva di questi anni a stretto contatto con la dirigenza dell’associazione”.“Siamo in un periodo cruciale per gli artigiani – spiega ancora la Papini - con nuovi mercati, nuove tecnologie e nuove opportunità, per molti aspetti positive, ma che comportano anche tanti rischi nuovi, che è bene imparare ad affrontare con l’approccio giusto, e in questo siamo pronti a fare il nostro dovere ogni giorno a fianco delle imprese”.Ovviamente non poteva mancare “il saluto affettuoso - da parte del presidente di Confartigianato Arezzo, Ferrer Vannetti - anche se non mancherà il suo sostegno all’associazione, a Mauro Giovagnoli, vero pilastro del nostro impegno e della nostra progettualità operativa verso le imprese, e un in bocca al lupo fortissimo ad Alessandra Papini, che andrà a ricoprire il ruolo di segretario generale, forte della sua scrupolosa preparazione e del suo lavoro di questi anni a fianco della dirigenza, che le consentirà di affrontare in maniera senza dubbio più che positiva questo nuovo incarico”.