Ultimo agg. 23 minuti fa

Fame vera o fame falsa nel dopo cena?

Salute e Bellezza del
di Chiara Matteuzzi
275

Fame vera o fame falsa nel dopo cena?

Aiuto!!

I dopocena sono un incubo per la maggior parte delle persone, il punto debole, il momento di massimo rilassamento in cui "è solo un biscotto cosa farà mai?". Non è un grande danno se ci limitiamo ad un biscotto (magari integrale, meglio se senza zucchero..chiedo troppo?), il problema è che la soddisfazione non è così facile da raggiungere e, senza accorgersene, mezza scatola di gustosi pasticcini finisce. 

Questa voglia di... è legata non alla fame fisiologica, ovvero quella necessaria per garantire il benessere, ma alla fame edonistica, del piacere, delle emozioni. Vanno quindi trovate "coccole alternative" per non reprimerla, altrimenti diventa ancora più prepotente, ma neanche assecondarla entrando direttamente nel frigo per svuotarlo senza cognizione di causa.

Quali possono essere i nostri alleati?

Il primo aspetto fondamentale è l'attenzione alla cena; deve essere leggera ma soddisfacente, colorata, gioiosa e saziante (fare il digiuno a cena per poi mangiare una scatola di cioccolatini davanti alla televisione non è una buona strategia).

Finita la cena accendete il bollitore e fate una tisana (drenante, rilassante, sgonfiante, digestiva, saporifera..) sorseggiandola piano piano quando è tiepida serve ad aiutare la digestione e da un senso di piacevole coccola che può calmare la fame non fame.

Se seduti a guardare un film o lavorando ad una relazione noiosissima per il capo tiranno, nonostante la cena gourmet e la tisana tiepida, nel vostro stomaco si apre il Grand Canyon scegliete cibi ricchi di: fibre (che aumentano la sazietà), potassio e magnesio (minerali per aiutare il sonno), melatonina (ormone che regola il ciclo sonno veglia), triptofano (aminoacido con attività calmante e precursore della serotonina "l'ormone del buonumore"), serotonina.  

Al contrario state lontano da zuccheri semplici che non servono nella fase notturna anzi possono anche peggiorare la qualità del sonno, da caffeina / teina e da alcolici. 

Cerchiamo qualche esempio:

1 frutto fresco o cotto magari con una spolverata di cannella (attività ipoglicemizzante)

1 galletta di segale con 1 sott’olio

1 galletta di farina di segale segale con salmone affumicato

1 galletta di farina di segale con 1 cucchiaino di miele 

1 manciata di mandorle o o noci o pistacchi (c'è anche l'aspetto del doverli sgusciare quindi una piccola distrazione)         

frutti di bosco

1 yogurt bianco di latte o di soia 

1 quadrettino da 10g di cioccolato fondente (>80%) da far scioglere sulla lingua, come se fosse un antidolorifico!!

3-4 Olive verdi

2-3 albicocche secche

 

Chiara Matteuzzi

Biologa Nutrizionista

3276342837

 

*#TeletruriaGiovani è un nuovo progetto coordinato da Teletruria, nato dalla volontà di dare voce ai giovani. Il team di #TeletruriaGiovani è formato esclusivamente da ragazzi under 40 non giornalisti che, per il gusto di scrivere e per la passione di condividere le loro esperienze, hanno deciso di curare delle rubriche tematiche. I ragazzi sono tutti volontari e scelgono in autonomia i temi su cui scrivere.