La salute in movimento

Salute e Bellezza del 07-03-2017
di Michele Giuseppi

La salute in movimento

La maggior parte di noi, giovani e meno giovani, adora praticare sport. Ci fa sentire bene, ci gratifica e aiuta nel mantenere un buon peso forma. In gruppo, o in solitaria, fare una bella sudata è quello che spesso ci vuole per cancellare tutti i problemi di un’intensa giornata di lavoro o studio. E’ per questo che lo sport dovrebbe essere un momento imprescindibile della nostra vita, ma i suoi benefici non si fermano alla psiche o alla soddisfazione sociale: fare movimento aiuta a sviluppare nuova materia grigia nel nostro cervello e a mantenere i livelli di colesterolo e trigliceridi nei limiti di sicurezza per la salute.

La materia grigia del nostro encefalo è composta da un fittissimo raggruppamento di neuroni, le cellule del nostro corpo in grado di trasmettere stimoli elettrici che coordinano i nostri pensieri e movimenti, promuovere la produzione di queste cellule comporta il mantenimento di un elevato grado di plasticità mentale. La plasticità consiste nella capacità che alcune aree cerebrali hanno nel modificare la loro funzione. Molte zone dell’encefalo hanno funzioni che tendono a sovrapporsi, questa ridondanza permette alla nostra testa di compensare funzioni di parti lesionate.

L’esercizio, anche se semplice e riguardante poche masse muscolari, determina un aumento del flusso ematico cerebrale anche in aree legate all’emotività e non solo direttamente interessate nel comando motorio. Data la multifunzionalità di queste zone il miglioramento delle loro capacità si associa a un incremento della memoria, della capacità di apprendimento e di fronteggiare situazioni stressanti. Praticare esercizio quotidianamente, nella maniera corretta e nella giusta quantità aiuta inoltre a prevenire: Ipertensione, Dislipidemie, Obesità, Diabete, Osteoporosi, Depressione, Scompenso cardiaco cronico e tumori del Colon e della Mammella. Tutto questo grazie alla capacità del nostro corpo di favorire il catabolismo del colesterolo cattivo (LDL) e la produzione di quello buono (HDL) al raggiungimento di una quota calorica settimanale stimata in 1000 kcal che equivalgono a: 5Km di camminata ogni giorno, 6Km di corsa tre volte alla settimana o a un’ora di pedalata un giorno sì e uno no. Gli effetti dell’attività motoria sul fisico sono probabilmente in relazione alla funzione più antica dell’uomo: quella di esplorare l’ambiente esterno e trarre insegnamento da ciò che osserva e gli accade.

La natura stessa dell’uomo determinerebbe quindi la necessità di praticare esercizio fisico regolarmente per mantenere un trofismo adeguato delle nostre strutture cerebrali e muscolari. In conclusione, se avete quell’esame che vi affligge andate a fare una bella corsetta.

 

#TeletruriaGiovani è un nuovo progetto coordinato da Teletruria, nato dalla volontà di dare voce ai giovani. Il team di #TeletruriaGiovani è formato esclusivamente da ragazzi under 40 non giornalisti che, per il gusto di scrivere e per la passione di condividere le loro esperienze, hanno deciso di curare delle rubriche tematiche. I ragazzi sono tutti volontari e scelgono in autonomia i temi su cui scrivere.




POTREBBERO INTERESSARTI