Ultimo agg. 6 ore e 37 minuti fa

Gli umanoidi colmeranno il senso di solitudine delle persone

Salute e Bellezza del
di Elisa Marcheselli
52

Gli umanoidi colmeranno il senso di solitudine delle persone

Con piacere mi accorgo di come i tempi tra le ricerche scientifiche e le comunicazioni dei mass media si accorcino sempre di più. Questa settimana ho avuto il piacere di essere relatrice su un tema a me caro, ovvero gli sviluppi tecnologici e come questi sviluppi modificano il nostro modo di comunicare e relazionarsi.

Parlando ad un gruppo di over 50, portai come esempio di tecnologia innovativa e positiva, la Robot Sophia e la tecnologia Smart House.

Il giorno dopo un autorevole giornale parlava di Sophia e di come i Robot possono cambiare il mondo. Coincidenza piacevole, ma il significato è che la robotica sta diventando sempre più un argomento di interesse e curiosità per la collettività.

Sophia, è nata il 19 aprile del 2015 ed è il primo vero esempio di robot senziente della storia, quello che potrebbe cambiare per sempre il nostro rapporto con l’Intelligenza Artificiale sotto forma di persona. Alcune persone che hanno interagito con gli Umanoidi raccontano di aver provato delle sensazioni forti emotivamente coinvolgenti, ed essi stessi si sono sentiti stupiti dal provare sensazioni così forti da questa interazione. Questa tecnologia è in grado di farci esperire sensazioni nuove derivanti da nuove esperienze, e tutto questo sarà ambito di studio da parte dei ricercatori. Il dato sicuramente concreto è che questa innovazione aiuterà l’umanità su vari fronti, da quelli legati alla autonomia fisica del soggetto a quella psicologica connessa al senso di solitudine e abbandono.

I robot colmeranno i vuoti emotivi e relazionali delle persone, diventando sempre più efficaci ed efficienti per essere di ausilio nelle azioni quotidiane di anziani, disabili e non solo. Gli umanoidi e la tecnologia innovativa al servizio della propria abitazione, saranno gli elementi essenziali per garantire alle persone tenori di vita qualitativamente migliori.

La parolachiave di questa rivoluzione digitale è l’inclusione.

Inclusione scolastica: con materiali didattici digitali in realtà aumentata.

Inclusione sociale: per tutto ciò che concerne il mondo degli anziani e delle persone non autosufficienti.

Inclusione lavorativa: ad esempio il disability managment, o la legge 81/2017 sullo smart working, inteso come lavoro flessibile e più gestibile grazie alle tecnologie.

Quindi le tecnologie possono anche incidere positivamente sulla qualità di vita, indipendenza e inclusione.

“La tecnologia di per sé non è né positiva né negativa ma è l’uso che ne fanno le persone a renderla l’una o l’altra”.

Dott.ssa Elisa Marcheselli www.elisamarcheselli.it

#TeletruriaGiovani è un nuovo progetto coordinato da Teletruria, nato dalla volontà di dare voce ai giovani. Il team di #TeletruriaGiovani è formato esclusivamente da ragazzi under 40 non giornalisti che, per il gusto di scrivere e per la passione di condividere le loro esperienze, hanno deciso di curare delle rubriche tematiche. I ragazzi sono tutti volontari e scelgono in autonomia i temi su cui scrivere.