Ultimo agg. 43 minuti fa

Screening mammario e prevenzione

Attualità del
di Maddalena Pieroni
48

Screening mammario e prevenzione

Promozione dello screening mammario e sensibilizzazione verso i corretti stili di vita. Sono gli obiettivi di un evento in programma per due giorni, domani sabato 9 novembre e sabato 23 novembre in Valdarno, su iniziativa della Asl Toscana sud est (Zona Distretto) insieme ad Andos, Calcit, Auser e le sezioni Soci Coop di Montevarchi e San Giovanni Valdarno.L’evento si intitola "Tumore al seno. Se ti vuoi bene, fai prevenzione". Domani dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18 alla Coop di Montevarchi, davanti allo Spazio Soci, è previsto uno stand sia informativo che di allestimento foto, per promuovere e informare, anche sull’importanza dell’autopalpazione.Durante la giornata saranno presenti alcuni professionisti Asl, come gli oncologi Francesco Di Clemente e Alessandra Signorini. Inoltre saranno a disposizione dei mediatori culturali per i cittadini stranieri. Nell’occasione verranno date tutte le informazioni sui corretti stili di vita, prima “arma” di prevenzione per tante patologie. Stesso format di iniziativa si terrà sabato 23 novembre alla sezione Soci Coop di San Giovanni Valdarno. Nell’organizzare queste iniziative, che mettono in relazione i professionisti con i cittadini in luoghi extra-sanitari, lo scopo della Asl è di dare sempre più diffusione al percorso di screening mammario, in modo tale da garantire l'accesso e la piena fruizione dei servizi socio-sanitari da parte delle donne. Per il 2018, i dati di adesione allo screening in provincia di Arezzo sono stati dell’81,01%, con lo specifico del Valdarno che arriva all’87,23%.Nelle altre due province, la percentuale di adesione è stata del 63,5% nel Senese e dell’ 80,3% nel Grossetano. Una riflessione specifica deve essere fatta sulle donne straniere che, in provincia di Arezzo, hanno aderito al 64,59%. Un dato in aumento rispetto agli anni scorsi, che dimostra un forte lavoro di sensibilizzazione nella popolazione, ma sicuramente ancora c’è molto da fare.