Ultimo agg. 19 minuti fa

Ciao Narciso. Si e'spento Terziani, il Presidentissimo dell'Arezzo

Sport del
di Luigi Alberti
782

Ciao Narciso. Si e'spento Terziani, il Presidentissimo dell'Arezzo

Si è spento Narciso Terziani. Poco dopo le 20, all'ospedale di Arezzo dove era ricoverato da una decina di giorni, colui che per una generazione è stato il Presidente per antonomasia dell'Arezzo calcio, ci ha lasciato. Aveva 80 anni. Lascia la moglie e due figli. Terziani, industriale orafo, ha segnato un'epoca, gloriosa, per certi aspetti irripetibile del calcio aretino. Divenne Presidente nel 1979. Restò in sella fino al 1985. In società ci entro' due anni prima. Altri tempi, altro calcio. Un rapporto diverso con i tifosi, la stampa e i giocatori. Terziani prima di essere presidente era soprattutto un tifoso. Al suo nome è legata  la duplice vittoria di inizio anni '80: prima la Coppa Italia nella finale contro la Ternana, culminata con una incredibile fiaccolata in tribuna e poi la stagione successiva, il campionato con Angelillo allenatore, Pellicano' in porta, Neri in regia e con davanti Tullio-gol Gritti. Il ritorno in serie B, tre stagioni fantastiche dove l'Arezzo sfiorò la serie A nella stagione 83-84, l'annata che fece innamorare non solo una città ma l'intera provincia. Terziani quando poteva, tornava sempre allo stadio. Era un sanguigno. Non mediava e spesso ha pagato per questo suo carattere. Apprezzo' molto l'iniziativa che due anni fa la società amaranto fece, nel volere allo stadio un settore proprio riservato a coloro che hanno fatto parte della storia del cavallino trampante. Dopo Angelillo ci lascia un grande del calcio aretino. Ciao Baffo. I più giovani non ti hanno conosciuto, ma per sempre resterai il Presidente.

(nella foto Terziani premiato durante la serata amarcord al Centro Affari di tre anni fa)