Teatro dai Balconi

Arte del 28-06-2017
di Chiara Renzi

Teatro dai Balconi

Oggi vi presentiamo un progetto dell’associazione rumorBianc(O): Teatro dai Balconi. Domenica 2 luglio presenterà questo nuovo format e il Teatro si affaccerà dai balconi del centro storico di Arezzo.

Il progetto nasce ad hoc per la prossima edizione della Fiera Antiquaria di Arezzo, sabato 1 e domenica 2 Luglio. Un’edizione che vuole tornare alle origini guardando allo spirito appassionato del suo fondatore, il collezionista Ivan Bruschi. Continua la sfida di rumorBianc(O) di diffondere il linguaggio teatrale fuori dai luoghi tradizionali ad esso deputati. 

Il progetto Teatro dai Balconi vuole promuovere un’idea di socialità sperimentale: gli spazi urbani diventano dimora per pratiche teatrali innovative. Un progetto che si vuole innestare nel tessuto socio-urbano che lo ospita e attivare processi trasversali che richiamino al dialogo tutte le componenti sociali della città e ambiscono a coinvolgere, assieme ai luoghi, il sistema di relazioni che questi luoghi ospitano. 

E’ stato chiesto ad alcuni artisti di creare dei micro spettacoli originali che si ispirassero al tema della collezione, parola chiave dell’edizione di luglio della Fiera Antiquaria. Il fil rouge dei tre micro spettacoli è, oltre alla collazione, l’amore: collezioni di donne, collezioni di delusioni d’amore, collezioni di amori.

L’itinerario teatrale durerà un’ora circa e si ripeterà due volte nella stessa giornata: ore 11,00 la mattina e 17,15 il pomeriggio, punto di ritrovo del pubblico sarà Piazza San Michele.

Per chi avrà voglia di fare due chiacchiere con gli artisti ci sarà l’occasione del SundayBrunch con gli Artisti al Biolento dalle 12,30 in poi.

Quindi tutti con la testa all’insù per il centro storico di Arezzo!

Ecco il programma dell’evento:

> IL PEZZO MANCANTE di e con Massimiliano Mastroeni e Rosa Sarti compagnia Ermes Teatro 

dove: balcone privato, Corso Italia 162

Lei è (stata) la giovane più desiderata di tutto il paese. Ha fatto innamorare tutti.Tutti le hanno dedicato una serenata sotto casa.Tutti. Meno uno. Quell'uno che partito per la guerra non è tornato. Lui è (stato) il giovane più sfortunato che si conosca. Qualsiasi donna che desiderasse non gli diceva mai di sì.Aveva sempre una canzone pronta per loro e loro non la volevano mai sentire. Nessuna la voleva mai sentire.Nessuna. Meno una. Quella donna che si trova affacciata al balcone, proprio sopra la sua testa. Un pover'uomo che ha vissuto collezionando delusioni amorose. Una donna che ha vissuto collezionando i cuori dei suoi spasimanti. La musica può fare da ponte tra queste due solitudini? 

> MADAMINA, IL CATALOGO E’ QUESTO di e con Eleonora Angioletti e Giorgio Castagna 

dove: balcone del Circolo artistico, Corso Italia 107

“Collezione: raccolta ordinata di oggetti della stessa specie, che abbiano valore o per loro pregio intrinseco o per loro interesse storico o artistico o scientifico o semplice- mente per curiosità o piacere personale.”E quale collezione più preziosa di quella composta dal numero delle donne che si è amato? Fortuna o condanna, è solo per questa che Don Giovanni vive, esiste davvero, solo grazie a questa può sperare di lasciare un segno nei secoli a venire. La collezione, dice il vocabolario, è una raccolta di oggetti di una particolare categoria, ma nel nostro caso, nel catalogo più famoso del mondo, non vi sono nascoste introvabili cose di preziosa manifattura, ma donne di ogni tipo. E’ così famoso e importante questo catalogo che lo stesso Don Giovanni, non può mai separarsene, senza di esso, non esi- ste, non potrebbe lasciare il segno nei secoli a venire Ma se fosse solo un'illusione? O peggio, se si ribaltassero i ruoli e il cacciatore (di mera- viglie) fosse in realtà la vittima? 

> LOVE IS LOVE di Matteo Bacchini, con Daniele Bonaiuti e la voce (e i capelli) di Chiara Renzi 

dove: balcone San Filippo _ via Corso Italia, 5

Un balcone famoso, un dialogo famosissimo, due giovani innamorati che si giurano amore eterno. O quasi. Impegnarsi è un impegno, oggigiorno. I tempi son cambiati, la società è liquida, il posto in banca solido, la situazione fluida e l’amore è come la benzi- na: muove il mondo ma brucia in fretta. Ed evapora ancora più in fretta. Avanti un altro, tanto è la stessa cosa. Love is love. si ringrazia W. Shakespeare per la collaborazione  

per info e prenotazioni: rumor.bianco@gmail.com

 

*#TeletruriaGiovani è un nuovo progetto coordinato da Teletruria, nato dalla volontà di dare voce ai giovani. Il team di #TeletruriaGiovani è formato esclusivamente da ragazzi under 40 non giornalisti che, per il gusto di scrivere e per la passione di condividere le loro esperienze, hanno deciso di curare delle rubriche tematiche. I ragazzi sono tutti volontari e scelgono in autonomia i temi su cui scrivere.

 

 

 

 




POTREBBERO INTERESSARTI