“Non troverò mai un fidanzato” #SfatareUnMito

Curiosità del 04-03-2017
di Sabina Karimova

“Non troverò mai un fidanzato” #SfatareUnMito

Quante volte ce lo siamo dette ? Quante volte abbiamo pensano che non abbiamo speranze? Quante volte ci siamo lamentate con le nostre amiche disperate per la nostra situazione sentimentale? Tante, troppe volte. Siamo una generazione difficile noi, nati negli anni ’90, poiché abbiamo vissuto appieno il fenomeno della globalizzazione, della libertà dei costumi, del privilegio della scelta senza alcuna costrizione. E insieme ai nostri computer, insieme ai nostri smartphone, insieme ai nostri jeans sono arrivati anche tutti i problemi sentimentali. Per carità, ovviamente anche le nostre mamme e le nostre nonne hanno avuto gli stessi identici problemi ma erano dettati da motivazioni diverse. Ci si doveva congegnare per riuscire a sedurre il proprio amato, passando ore ed ore a farsi belle cercando di inventarsi un piano per conquistare il cuore del fortunato donzello, ma quello che rende le loro esperienze diverse dalla nostre  è il fatto che si andava alla ricerca dell’uomo della propria vita, l’uomo da sposare e con cui poter costruire una famiglia. Ora è tutto molto molto più complicato: non siamo più nell’epoca in cui “i vasi rotti si riparano”, oggi si cambia molto più spesso partner e le esperienze amorose nel corso della propria vita prima di riuscire a trovare la persona giusta sono sempre in aumento. Da non fraintendere : non è una critica o una visione negativa del presente, poiché ciò è semplicemente dovuto alla maggiore libertà di scelta che gli individui si sono conquistati nel corso della storia ed alla minore influenza che hanno su questa sfera della vita le opinioni dei familiari, la posizone sociale,il luogo di provenienza o la collocazione lavorativa.E ora mi rivolgo a tutte le donne della mia generazione: diciamocelo tra noi, ma quanto è dura la nostra vita?  Per riuscire a incantare l’uomo che desideriamo conoscere ci dobbiamo sorbire estetista, make-up, tacchi, tour fra i negozi per riuscire a trovare l’abbigliamento adatto, non troppo vistoso ma neanche troppo banale, manicure e sofferenze varie per arrivare poi magari al terzo appuntamento e capire che non è la persona che fa per noi. E via di nuovo con la ricerca, e via di nuovo con il tormento dei  vari passaggi di bellezza, con l’ansia di non essere all’altezza.  Ma raramente le cose vanno a buon fine ,e molto più spesso ci si ritrova da sole in casa a divorare patatine e guardare serie tv in solitudine pronunciando a se stesse la fatidica frase “è ufficiale, non troverò mai un fidanzato”. Donne, ascoltatemi bene, è la cosa più sbagliata che voi possiate fare. Prima di tutto bisogna rendersi conto che la “singletudine”  è una delle tanti fasi che fanno parte della vostra vita,  quindi dovete semplicemente accettare la vostra condizione, godervi la vostra libertà e il tempo che avete per coltivare i vostri interessi. Non vivetela assolutamente come una maledizione.  Inoltre il timore di rimanere sole nella vita vi può portare a scelte sbagliate, come accontentarsi di una persona che non vi soddisfa semplicemente perché avete la paura di non riuscire a trovare altro.  Siate felici e orgogliose della vostra situazione: avete più risparmi per poter viaggiare, siete più indipendenti e questo vi aiuterà ad avere progressi anche nell’ambito lavorativo, avete più tempo da dedicare a voi stesse e avete meno responsabilità . Quindi perfavore sfatiamo questo mito, “Non troverò mai un fidanzato” è una frase sciocca da non pronunciare mai a se stesse a meno che non si voglia vedere la propria stima cadere sotto i piedi. Programmare la propria felicità serve solo ad allontanarla, bisogna invecere svolgere il proprio sguardo solo al presente e smettere di pretendere che le cose vadano in un certo modo. Infatti proprio quando non ci si aspetta nulla dagli altri è il momento in cui succede qualcosa, semplicemente perché viviamo le esperienze con una mente libera e aperta, al posto di una mente divorata dall’ansia e dalle paure che vi blocca e vi fa fare scelte sbagliate. Le cose arrivano quando smettiamo di cercarle.

 

#TeletruriaGiovani è un nuovo progetto coordinato da Teletruria, nato dalla volontà di dare voce ai giovani. Il team di #TeletruriaGiovani è formato esclusivamente da ragazzi under 40 non giornalisti che, per il gusto di scrivere e per la passione di condividere le loro esperienze, hanno deciso di curare delle rubriche tematiche. I ragazzi sono tutti volontari e scelgono in autonomia i temi su cui scrivere.



POTREBBERO INTERESSARTI