Inclusione sociale e lavorativa, progetto a Pergine

Attualità del 17-07-2017
di Luca Tosi

Inclusione sociale e lavorativa, progetto a Pergine

Prende il via l’ultimo progetto interno al patto della salute mentale in Valdarno. E' stato siglato a Pergine Valdarno presentando il progetto «Rural point, fattoria sociale», con riferimento a tutto ciò che nel patto è relativo all’abitare supportato, all’agricoltura sociale e ad altre forme di socializzazione e inserimento lavorativo.

Il progetto sarà realizzato all’interno di un’azienda agricola che si trova a Pergine Valdarno, nella porzione chiamata «L’aia di Ramarella», della quale saranno affittati due appartamenti, i fondi, la cantina, alcuni annessi agricoli, un pezzo di terreno da adibire a orto e venti ettari di bosco.

Il progetto rappresenta la sintesi di un percorso iniziato quattro anni fa grazie alla sinergia tra vari soggetti che, di volta in volta, si alternano in base alle peculiarità delle varie azioni e prevede numerosi sviluppi per la sua implementazione. Questo percorso, finanziato dalla regione Toscana, nasce nella zona del Valdarno aretino ma oggi la direzione generale della Asl lo ha proposto come sperimentazione di area vasta sud est, in collaborazione con il comune di Pergine, la conferenza zonale dei sindaci, l’Usma, Usmia Valdarno, la cooperativa Koinè, l’associazione Aldebaran e tutti i soggetti che hanno aderito alla rete del patto territoriale salute mentale.




POTREBBERO INTERESSARTI