Omessi pagamenti contributi: assolto Piero Mancini con la figlia

Cronaca del 14-07-2017
di Luigi Alberto Alberti

Omessi pagamenti contributi: assolto Piero Mancini con la figlia

Doppietta in famiglia Mancini, assolti in un colpo solo sia Piero Mancini che la figlia in relazione ad una serie di omessi versamenti dei contributi ai dipendenti nel periodo in cui padre e figlia si erano avvicendati alla presidenza della Cometi di Sansepolcro.

Assolti 'per non aver commesso il fatto', questa la sentenza del Tribunale di Arezzo. La tesi della difesa (evidentemente fatta propria dal giudice Faltoni), è che rappresentanza legale e responsabilità penale non sempre vanno a braccetto I Mancini erano indubbiamente i presidenti del cda ed avevano la rapprsentanza della società ma altrettanto pacificamente la societa era gestita da un amministratore delegato a cui spettava decidere in autonomia cosa pagare e cosa non (da qui l'assoluzione per non aver commesso loro il fatto). Differentemente dalla maggioranza di questi processi, in cui la linea difensiva punta quasi sempre sulla crisi economica, la difesa ha scelto una strada opposta: ha prodotto gli estratti conto bancari da cui si evince che nel periodo in cui i contributi ai dipendenti non sono stati pagati, di soldi a disposizione nei conti correnti ve ne erano in gran quantita e la società godeva ancora di clienti di primario livello (Huawei, Ansaldo, ferrovie dello stato ecc). Come a dire che non è dato comprendere le ragioni per cui, pur essendovi le risorse economiche, chi aveva la gestione della società non ha provveduto a versare i contributi. Da qui, tante l'assenza di elementi da cui poter ricavare che i Mancini fossero perfettamente a conoscenza o peggio avessero ispirato loro la scelta di sacrificare i contributi per pagare fornitori o altro, l'assoluzione per non essere loro i responsabili di quanto avvenuto




POTREBBERO INTERESSARTI