Ultimo agg. 1 ora

I fatti di Levane, una sconfitta non solo per il calcio

Editoriale del
di Luigi Alberti
74

I fatti di Levane, una sconfitta non solo per il calcio

Genitori che picchiano allenatore perchè il loro figliolo non è stato preso in considerazione dal tecnico. Stiamo parlando di un torneo giovanile con protagonisti bambini sui 10 anni. Spesso abbiamo fermato l'attenzione su come a livello giovanile  ci siano allenatori inadeguati, sotto l'aspetto tecnico, visti  i risultati successivi. Ma arrivare a questo francamente ci sembra incredibile. Sono partite denunce, spetterà a chi di dovere chiarire come sono andate le cose perchè il quadro cjhe si presenta è di una gravità inaudita. Ma quello che è accaduto nella mattinata del primo maggio a Levane, in parte, è lo specchio della nostra società ed è una sconfitta non solo per il calcio. Dove sta il rispetto per le regole? Chi determina l'autorità? Perchè una decisione di questo tipo, normale sotto l'aspetto tecnico, ha scatenato una reazione così sproporzionata? Conoscevo un vecchio allenatore che aveva il non semplice compito di fare l'istruttore di calcio. Un giorno disse sfogandosi: "le squadre giovanili dovrebbero essere composte tutte da orfani...". Dopo i fatti di Levane, si comprende la ragione.