ROS: la Toscana e (un po') di Arezzo sul palco di X-Factor 2017

Musica del 21-11-2017
di Lorenzo Diozzi

ROS: la Toscana e (un po') di Arezzo sul palco di X-Factor 2017

X-Factor si conferma un programma musicale di grande successo in Italia con giudici amatissimi, un format più volte vincente e sfide tra giovani musicisti che trovano in questo palco la possibilità di mettere in mostra le proprie capacità. Inoltre molto importante è ciò che succede dietro il palco quando cantanti e gruppi hanno la possibilità di entrare in contatto con grandi professionisti del settore musicale vivendo profonde esperienze. Lasciando da parte le ormai classiche e ridondanti critiche ai talent show anche l’edizione del 2017 sta vivendo un grande successo in televisione e nei social.

Sul palco del programma si è indubbiamente fatto notare il gruppo dei ROS. Inizialmente per la magnetica cantante e per la energia dimostrata che è subito piaciuta a pubblico e giudici e poi anche perché hanno affrontato i vari stadi delle sfide del programma sempre con grande concentrazione riuscendo a superare ogni ostacolo. Il gruppo tuttavia è al centro di questo articolo non solo per l’X-Factor ma anche per il fattore campanilismo. Infatti i tre componenti dei ROS sono tutti toscani e il batterista è proprio originario del territorio aretino. In passato, prima della loro partecipazione televisiva, sono state numerose le esibizioni dei ROS nei vari locali ed eventi di Arezzo e adesso viene naturale tifare per loro vedendolo in quell’immenso palco televisivo. Come dai ROS più volte ripetuto durante il programma questa esperienza è per loro un modo di mettersi alla prova ed entrare in contatto con tante e nuove realtà musicali. Il gruppo sta dimostrando grande carattere e voglia di suonare e speriamo di rivederli suonare ad Arezzo dopo aver concluso al meglio l'esperienza televisiva.

 

*#TeletruriaGiovani è un nuovo progetto coordinato da Teletruria, nato dalla volontà di dare voce ai giovani. Il team di #TeletruriaGiovani è formato esclusivamente da ragazzi under 40 non giornalisti che, per il gusto di scrivere e per la passione di condividere le loro esperienze, hanno deciso di curare delle rubriche tematiche. I ragazzi sono tutti volontari e scelgono in autonomia i temi su cui scrivere.



POTREBBERO INTERESSARTI