Serie C, nuove scadenze per le società. Chi sgarra prende penalizzazione

Sport del 13-10-2017
di Luigi Alberto Alberti

Serie C, nuove scadenze per le società. Chi sgarra prende penalizzazione

 La Lega di serie C (nella foto la sede di Firenze) obbliga le società a rispettare perentoriamente i termini per i pagamenti ai tesserati e ai dipendenti, pena la decurtazione in classifica. Una intransigenza che serve, o dovrebbe servire, per scongiurare ritardi amministrativi e gestioni scellerate, che poi porterebbero al fallimento. Viceversa, sulla tempistica dei contributi che la Lega deve versare ai club, derivanti da sponsorizzazioni, diritti televisivi e mutualità, di certezze ce ne sono pochissime. E' complicatissimo calcolare quanti soldi frutterà il minutaggio dei giovani (chi vuole scervellarsi, si legga qui il regolamento) e da Firenze non danno riferimenti certi su quando questi soldi entreranno in cassa. L'Arezzo ovviamente non fa eccezione e deve arrangiarsi. E se fino a pochi mesi fa la puntualità nei bonifici era uno dei fiori all'occhiello di viale Gramsci, dalla scorsa estate c'è qualche apprensione in più. Il presidente Mauro Ferretti, e la società per responsabilità oggettiva, sono stati segnalati dalla Covisoc alla procura federale per il versamento fuori tempo massimo degli stipendi e dei contributi Inps di aprile e maggio. Fatti relativi a fine giugno e riguardanti la passata stagione. Andranno dunque a processo davanti al tribunale federale, la cui sentenza è attesa per novembre. La forbice varia da 1 a 3 punti di penalità.




POTREBBERO INTERESSARTI