Ultimo agg. 10 ore e 10 minuti fa

Meditazione: azione per ritrovarsi

Salute e Bellezza del
di Elisa Marcheselli
111

Meditazione: azione per ritrovarsi

Esiste una tecnica molto antica che fonda le sue origini nell’antico Oriente che sta destando interesse nel mondo Occidentale: la meditazione.La meditazione non è nata con lo scopo di curare i problemi psicologici, ma nei tempi moderni si è dimostrata promettente nel trattamento di alcuni di essi, in particolare la depressione e l’ansia.In una metanalisi di quarantasette studi sull’applicazione dei metodi meditativi nella cura di pazienti con disturbi mentali, i risultati hanno dimostrato che la meditazione può portare ad alleviare l’ansia ed il dolore, e lo stress. Rafforzando la nostra mente a raggiungere un equilibrio interiore, sviluppiamo capacità sociali e relazionali come l’empatia e la capacità di assumere il punto di vista altrui. Coltivare questa pratica induce dei cambiamenti nei nostri comportamenti, sostituendo l’individualismo e l’egoismo con altruismo, gentilezza e cooperazione. I dati scientifici dimostrano che è possibile coltivare qualità positive nel profondo del nostro essere, iniziando a prendere spazi introspettivi ad esempio secondo le modalità delle varie forme meditative. Alcune ricerche sull’attività cerebrale rilevata nei praticanti di meditazione mostrano migliori capacità di concentrazione senza sforzo e una maggiore sincronicità delle attività cerebrali dei due emisferi. Quindi lo stato di assortimento interiore accompagnato da una profonda respirazione e visualizzazione permette di migliorare il proprio equilibrio, rilassando le tensioni fisiche e riportando a lavorare il nostro cervello in uno stato di eustress, ovvero di attivazione positiva.

“Impara ad entrare in contatto col silenzio che è dentro te stesso ed a capire che tutto in questa vita ha uno scopo”.(Elizabeth Kübler-Ross).

www.elisamarcheselli.it

 

*#TeletruriaGiovani è un nuovo progetto coordinato da Teletruria, nato dalla volontà di dare voce ai giovani. Il team di #TeletruriaGiovani è formato esclusivamente da ragazzi under 40 non giornalisti che, per il gusto di scrivere e per la passione di condividere le loro esperienze, hanno deciso di curare delle rubriche tematiche. I ragazzi sono tutti volontari e scelgono in autonomia i temi su cui scrivere.