Ultimo agg. 9 ore e 31 minuti fa

Corsa al Parlamento. Nel Pd c'è l'effetto Boschi. Ma nessuno lo dice

Editoriale del
di Luigi Alberti
527

Corsa al Parlamento. Nel Pd c'è l'effetto Boschi. Ma nessuno lo dice

Ma chi si candida? Nelle più o meno riservate stanze dei partiti ancora si varano le strategie in vista della ufficializzazione delle liste. Non ci saranno le primarie in compenso nel Pd. C'è un effetto Boschi? In casa Democrat il tormentone rischia di essere questo. Se l'ex Ministro delle Riforme dovesse essere schierata nel collegio uninominale di Arezzo per la Camera, il confronto politico assumerebbe una valenza politica e mediatica straordinaria. E dalle nostre parti c'è qualcuno che non vedrebbe male la cosa. Della partita sarà il deputato uscente Marco Donati, che punta al plurinominale mentre per il Senato sembrano in ribasso le azioni per Donella Mattesini. Tra i nomi papabili per POalazzo Madama  resta in alto la posizione di Enzo Brogi. La sorpresa potrebbe essere legata al nome dell'assessore regionale Vincenzo Ceccarelli. Ma qui in gioco entrano gli accordi tra le varie componenti. Ceccarelli fa parte dell'area legata al Ministro Orlando. Ma occhio a Siena. Difficile che dalla città del Mangia diano il lasciapassare per un candidato aretino.Sul fronte del centrodestra la candidatura per l'uninominale potrebbe dare il semaforo verde al Presidente provinciale di Forza Italia Maurizio D'Ettore, già in passato candidato al Senato. Chi è certo di andare alla Camera è il coordinatore regionale Stefano Mugnai che sarà il capolista del plurinominale. A sinistra del Pd, Andrea Vignini ha dato la disponibilità per la Camera nell'alleanza Liberi Eguali. Sicura la presenza di Tito Barbini al Senato. Tutta da definire la squadra del Movimento Cinque Stelle dove si aspettano le parlamentarie on line. In questi giorni stanno affluendo le candidature che una apposita commissione esaminerà. Resta da capire se gli uscenti, (Chiara Gagnarli), saranno della partita.