Guida alla donazione di sangue

Salute e Bellezza del 07-10-2017
di Michele Giuseppi

Guida alla donazione di sangue

Donare sangue è un atto di cuore. Suona come una frase fatta, ma è la verità. E’ un atto di solidarietà e di impegno sociale. Ad oggi non esistono metodi efficaci per produrlo sinteticamente, il sangue non si crea, si dona.

Ad Arezzo è molto semplice donare sangue: basta rivolgersi al centro trasfusionale situato all’interno dell’ospedale. Il personale dell’unità operativa farà compilare un questionario riguardo alle nostre abitudini di vita e al nostro stato di salute. A seguito sarà fissata una visita con il medico di reparto che confermerà l’eventuale idoneità alla donazione e fisserà la data del prelievo.

Ci sono dei fattori di esclusione o limitazione alla donazione: l’età del donatore deve essere compresa tra i 18 e i 65 anni (70 nel caso di donatori periodici), il peso non deve essere inferiore ai 50 Kg. I valori di pressione arteriosa, frequenza cardiaca, ematocrito ed emoglobina devono attestarsi ai giusti parametri. Chi ha tatuaggi o piercing deve attendere almeno 4 mesi dall’intervento prima di poter donare. Gli uomini possono donare ogni 90 giorni, le donne ogni 180.

Si impiegano in media dai 5 ai 10 minuti per completare un prelievo da 450 CC di sangue intero che verrà successivamente centrifugato per ottenere tre sacche distinte: la prima contenente plasma, la seconda globuli rossi concentrati mentre nella terza rimarranno solo le piastrine. Questo vuol dire che con un solo prelievo si possono aiutare tre persone. A fine donazione è prevista la colazione offerta.

In Italia sono 660.000 le persone che necessitano di costanti cure a base di sangue e suoi derivati. Particolare riguardo va riservato per coloro che soffrono di talassemia, una malattia genetica che comporta anemia. Sono persone che hanno bisogno di una trasfusione di globuli rossi concentrati alla settimana circa, questo si traduce in 13 donatori uomini all’anno per un solo malato di talassemia. In Italia, attualmente, sono 7000 le persone affette.

Quindi abbiate cuore e donate, è un atto: gratuito, volontario, periodico, responsabile, ma soprattutto anonimo. 

 

*#TeletruriaGiovani è un nuovo progetto coordinato da Teletruria, nato dalla volontà di dare voce ai giovani. Il team di #TeletruriaGiovani è formato esclusivamente da ragazzi under 40 non giornalisti che, per il gusto di scrivere e per la passione di condividere le loro esperienze, hanno deciso di curare delle rubriche tematiche. I ragazzi sono tutti volontari e scelgono in autonomia i temi su cui scrivere.



POTREBBERO INTERESSARTI