Bancarotta Banca Etruria, filone bis, chiuse le indagini

Cronaca del 16-05-2017
di Barbara Perissi

Bancarotta Banca Etruria, filone bis, chiuse le indagini

Bancarotta Banca Etruria, chiuse le indagini per il filone bis. Stando a quanto emerge da fonti vicine al Procuratore della Repubblica Roberto Rossi sarebbero 28 le persone indagate di cui 15 per bancarotta fraudolenta e 13 per bancarotta semplice che in queste ore hanno ricevuti gli avvisi di chiusura indagine. All'origine della seconda parte dell'inchiesta i finanziamenti “facili” concessi a tre società (Intermedia, Abm e Energia Ambiente) e mai rientrati. Proprio questi crediti avrebbero, in base a quanto evidenziato anche dallo stesso commissario Santoni nella sua relazione, minato in maniera importante i bilanci di Banca Etruria. Si parla di circa 30 milioni di euro. Tra i 15 indagati per bancarotta fraudolenta ci sono i sindaci revisori della banca tra i quali il nome più noto è quello di Massimo Tezzon, 71 anni, ex segretario di Consob. Molti nomi degli indagati si ripetono rispetto al primo filone di inchiesta, per il quale il processo è fissato per il 22 giugno e vanno ricercati tra alti dirigenti dei cda guidati da Elio Faralli e Giuseppe Fornasari dal 2008 al 2011. Nome nuovo invece è quello dell'ex direttore generale Alfredo Berni, che non figurava in precedenza.




POTREBBERO INTERESSARTI