Ultimo agg. 13 ore e 19 minuti fa

L' epigenetica del trauma

Salute e Bellezza del
di Elisa Marcheselli
88

L' epigenetica del trauma

Molti non sanno che eventi che ci coinvolgono a livello di sensibilità collettiva, come ad esempio gli episodi tragici degli attentati o la recentissima distruzione dalle fiamme della Cattedrale Notre Dame de Paris, rimangono impressi nella nostra memoria.

 

Gli scienziati parlano di epigenetica dei traumi ,ovvero mutamenti genetici non derivanti da cambiamenti biologici bensì da fatti ed esperienze che inducono un cambiamento bio chimico interno responsabile di mutazioni genetiche.

 

La parola trauma deriva dal greco e significa " ferita". Eventi sociali di grande risonanza possono essere vissuti dalla nostra mente come traumi, e delineare una linea di confine tra un prima ed un dopo.

 

Le reazioni, ci spiegano gli studi di psicologia sociale, delle persone di fronte ad eventi di impatto collettivo sono interpretabili attraverso la teoria dell' universalità delle emozioni. Siamo dotati di un codice emotivo universale, che ci permette di comprenderci e di riconoscere le emozioni dell' altro.

 

Alcuni studi hanno dimostrato che i genitori possono trasmettere ai figli l' emozione connessa a traumi vissuti nella vita, per il semplice fatto che l' emozioni sono in definitiva segnali neurochinici in grado di modificare la nostra biochimica ed anche la nostra genetica.

Già da tempo Jung parlava di inconscio collettivo, e di quanto il pensiero collettivo fosse dotato di una forza tale da trasformare le alterazioni psicofisiche delle persone.

 

Questo ci mette di fronte al fatto di essere maggiormente consapevoli delle reazioni personali e di quelle degli altri che ci accomunano difronte eventi e situazioni ad alto coinvolgimento emotivo.

Se riesci a sentire le tue emozioni, non sei lontano dal corpo interiore radioso che sta sotto. Se invece resti prevalentemente nella tua testa, la distanza è di gran lunga maggiore, e hai bisogno di portare consapevolezza nel corpo emotivo prima di poter raggiungere il corpo interiore.

(Eckhart Tolle)

dr Elisa Marcheselli