Ultimo agg. 9 ore e 20 minuti fa

Ceccarelli alza la voce contro i gestori delle ferrovie

Attualità del
di Luigi Alberti
41

Ceccarelli alza la voce contro i gestori delle ferrovie

"Chiediamo ai gestori del servizio un grande impegno per il 2019, perché la Toscana ha scommesso fortemente sul ferro e si attende risposte in linea con le aspettative degli utenti". E' questa la sintesi delle considerazioni fatte dall'assessore a trasporti e infrastrutture, Vincenzo Ceccarelli, durante l'incontro annuale con i comitati dei pendolari, svoltosi oggi a Firenze."Il 2018 – ha spiegato l'assessore – è stato un anno difficile, ben evidenziato dal dato della puntualità reale- quella percepita dall'utente che tiene conto di tutte le cause senza esclusioni - che è stato pari al 89,3% (nel 2017 era nel 90,8%). Alcuni eventi meteorologici hanno sicuramente penalizzato i risultati dell'andamento generale del servizio. Basti citare il gelicidio di marzo, (puntualità reale 85,8%) o i recenti eventi del mese di ottobre (ottobre 86,7%). Ma ci sono problemi che non attengono al maltempo, bensì a scelte che si sono fatte a livello nazionale e su queste vogliamo esprimere tutto il nostro dissenso. Il riferimento, in particolare, è alla linea Aretina, per la quale da mesi ci stiamo battendo (la media puntualità reale linea aretina 2018: 85,2%, - 3,93% rispetto al 2017 mentre la med ia regionale ha avuto un calo del 1,56 %. ). Abbiamo più volte denunciato l'eccessivo affollamento di treni Av, peraltro assai irregolari nell'andamento e penalizzanti per i treni regionali. Avevamo chiesto un cambio di rotta, una profonda modifica della programmazione nazionale. Per tutta risposta, nel nuovo orario che parte il 9 dicembre troviamo ulteriori servizi aggiuntivi veloci che vanno ad ingolfare ulteriormente la linea direttissima. Ora attendiamo fatti dalle Autorithy competenti, dopo due lettere inviate, e soprattutto azioni coerenti dal Ministro che aveva promesso speciale attenzione per i pendolari".L'andamento generale del servizio, nello standard previsto dal contratto resta soddisfacente, con una media superiore al 94%. Proseguono gli investimenti sui nuovi treni. Sono 80 i nuovi treni entrati in servizio dal 2013.Secondo il rapporto di Pendolaria l'età media del parco rotabile in Toscana è di 11,4 anni una media nazionale di 16,8.