Ultimo agg. 11 ore e 8 minuti fa

Pd, l'onda lunga di Zingaretti anche ad Arezzo

Editoriale del
di Luigi Alberti
205

Pd, l'onda lunga di Zingaretti anche ad Arezzo

Ha vinto Zingaretti. Una vittoria per distacco se dovessimo usare una comparazione ciclistica. Un distacco tanto evidente al punto che non c'è stata partita, visto che netta è stata la supremazia registrata nel responso delle urne. A proposito, partecipare è un fattore basilare in un esercizio democratico, dunque il vero vincitore è stato il popolo delle primarie. 1 milione e 700 mila persone in tutta la Penisola, poco più di 12mila in Provincia di Arezzo, non sono numeri da sottovalutare. Visto che la scelta non nasce nelle segrete stanze dei partiti, è stato significativo vedere tante persone che hanno perso 10 minuti del loro tempo libero per recarsi ad esprimere un voto. E il voto, si sa, è sacro e inviolabile. Ora spettarà a Zingaretti allargare la sua "Piazza" e cercare di fare tornare competitivo un partito che dal Referendum Istituzionale  in poi ha perso la bussola. Anche nell'Aretino le cose dovranno essere tutte rimesse al posto giusto. Per la reggenza Bracciali-Ruscelli il compito diventa un test probabnte poichè a fine maggio ci sono le amministrative con dei comuni da riconquistare e altri da difendere. Un fatto è certo,  il voto è mobile e non fidelizzato, le partite dunque sono tutte a rischio. Non sappiamo quanto potrà influire il contemporaneo voto Europeo. Ma qui il discorso diventa un vero e proprio puzzle. Poi in autunno dovrà essere eletto il nuovo segretario provinciale, dato che in Piazza Sant'Agostino la precarietà rischia di diventare un fattore permanente. Una volta risolto questo passaggio, si passa alla partita delle Regionali 2020, senza dimenticare che lo stesso giorno i cittadini di Arezzo verranno chiamati a votare anche per il sindaco. I movimenti per cercare di costruire il candidato che si opporrà a Ghinelli, sono già iniziati e certe giravolte alle primarie, fanno capire che le sorprese in casa Pd, sono sempre dietro l'angolo.