Ultimo agg. 6 ore e 58 minuti fa

Il metodo collaborativo nella negoziazione assistita. Differenze con la mediazione

Salute e Bellezza del
di Elisa Marcheselli
268

Il metodo collaborativo nella negoziazione assistita. Differenze con la mediazione

Il 7 Giugno alle ore 15:30 si terra un importante incontro organizzato dalla Fondazione Forense Avvocati di Arezzo, dedicato alla formazione forense, intitolato: “Il metodo collaborativo nella negoziazione assistita. Differenze con la mediazione”.

Il convegno affronta il tema del diritto collaborativo, una procedura che, nata negli Stati Uniti intorno alla fine degli anni novanta e diffusasi anche in Italia soprattutto nell’ultimo decennio, si pone quale obiettivo il raggiungimento di un accordo che rappresenti la soluzione al conflitto esistente fra le parti, principalmente in ambito familiare, ma non solo. 

Attraverso il metodo collaborativo, i professionisti, si adoperano per la risoluzione del problema. Avvocati e Psicologi devono offrire ai soggetti coinvolti l’opportunità di trovare una soluzione condivisa, che tenga conto delle concrete e specifiche esigenze e del singolo e del nucleo familiare considerato nel suo complesso o del sistema organizzativo. Parlare di conflitti significa parlare di relazioni. Il conflitto infatti fa parte della relazione, quindi non va evitato, ma va accolto e gestito.

I principi del diritto collaborativo producono un particolare clima di fiducia, che coinvolge direttamente le parti interessate (coniugi o partners) e favorisce la conclusione di accordi condivisi, maggiormente rispondenti ai bisogni delle persone, rispetto ad altri tipi di soluzioni stragiudiziali.

I tre relatori: Avv. Olga Anastasi, Dott.ssa Elisa Marcheselli, Avv. Fabio Diozi illustreranno strategie e tecniche comunicative e relazionali che caratterizzano le rispettive figure professionali che collaborano attorno alla risoluzione del problema. Il diritto collaborativo nel diritto di famiglia diventa allora in questa nostra epoca una risposta immediata ed innovativa, sostenuta dagli avvocati e psicologi, che in essa svolgono un ruolo di primaria importanza: consigliano e tutelano i clienti permettendo loro di avere a disposizione un tempo adeguato per identificare i loro reali interessi e bisogni e quelli dei figli e per affrontare le relative decisioni con equilibrio.

La forza del processo collaborativo consiste nel fatto che le parti ed i loro rispettivi avvocati di fiducia lavorano costruttivamente.

 Presso l’ Etrusco Arezzo Hotel Via Fleming 39, 52100 Arezzo.

Evento patrocinato dalla Fondazione Forense Avvocati di Arezzo.

La partecipazione all’intero evento comporta, per gli Avvocati, l'attribuzione di n. 3 crediti formativi.

 

Dott.ssa Elisa Marcheselli

ww.elisamarcheselli.it